Get Adobe Flash player

“Bisogna favorire il privato ed eliminare le disuguaglianze sociali, con i fatti e non solo con le parole”

“Negli ultimi anni la politica ha provocato danni, parlo a livello nazionale, regionale e comunale, ma anche provinciale, sperando che le chiudano presto queste province”, a parlare è Michele Marraffa.

Ci sono alcuni episodi che voglio condividere perché mi lasciano sbalordito, su quanto la politica e l’Amministrazione sappiano essere così lontane dalle istanze dei cittadini. Nella nostra accogliente cittadina ci si permette di recarsi a casa di un cittadino qualunque, di domenica pomeriggio a notificare l’avviso di sfratto a una di quelle famiglie, molte delle quali in gravi difficoltà, e residenti in una di quelle scuole rurali di proprietà del Comune. A volte siamo bravi a riempirci la bocca di belle parole e di frasi fatte su quanto sia importante che la politica sia vicina ai nostri cittadini, su quanto sia importante aiutare i bisognosi o quelle povere popolazioni di migranti costrette a fuggire dal proprio Paese. E a noi chi ci pensa? Dove sono i servizi sociali per i nostri cittadini? Ci sono settori economici in grande crisi e ci sono famiglie che stanno facendo fatica ad andare avanti. Quello dei servizi sociali a Martina Franca è un settore che necessita di seri interventi da parte della prossima Amministrazione, per fronteggiare le tante difficoltà, ma anche per eliminare una gestione oligarchica degli uffici che non mette al primo posto la persona a svantaggio dell’interesse economico di pochi.

La politica deve favorire maggiormente il privato e comprendere che pubblico e privato devono andare insieme. Non è possibile che il privato, invece, venga sopraffatto dalla burocrazia. Si tratta di una consapevolezza e di una missione lavorativa di cui dovrebbero sentirne la responsabilità anche i dipendenti della pubblica amministrazione, tra cui alcuni degli assunti con il mega concorsone dei 24 dipendenti indetto dalla decaduta Amministrazione, pagati con i soldi di noi contribuenti e che quindi dovrebbero lavorare quotidianamente al servizio dei cittadini. Questo vale nei Comuni, negli ospedali, insomma ovunque ci sia un’attività pubblica. E vale anche in quel vergognoso ufficio tributi del nostro Comune, con file interminabili di gente ad attendere di correggere la propria cartella esattoriale sbagliata inviata dal Comune. In quell’ufficio è stato istituito anche un ufficio contenzioso, che si occupa di andare a verificare l’esattezza delle cartelle. Ma come al solito succede che a pagare è sempre il cittadino comune, quello più debole, che non ha un ragioniere, che difficilmente assumerà un avvocato, perché agli “evasori seriali” invece non gli verrà contestato mai niente e comunque troveranno sempre il modo di venirne fuori.

Esattamente come quelle persone che chiedono di aprire una finestra in un trullo oppure la possibilità di realizzare un bagno nella piccola residenza di campagna, senza generare alcun aumento di volume. Succede che a queste persone viene negato ogni tipo di intervento. Invece per un costruttore è facile, ci sono gli avvocati e gli ingegneri, che se sono bravi riescono certamente a fare cose che si pensava non si potessero fare.

Sono queste le battaglie che la politica deve fare, a cominciare da noi di IdeaLista. La politica deve essere al fianco del cittadino comune e al suo servizio. Il Comune è un Ente erogatore di servizi al servizio del cittadino. È accanto ai deboli che la politica deve tornare a schierarsi, smettendola di inseguire le élite di poche persone o i soliti gruppi di potere. Tutto questo contesto lo abbiamo descritto al Commissario prefettizio ed è, ancora una volta, a lui che ci rivolgiamo per tenere alta l’attenzione su questi temi, perché garante dello Stato in questo momento e perché persona terza al di fuori delle visioni miopi e personalistiche di questi ultimi anni della politica, specie di una sinistra che ha smesso di difendere i più deboli a vantaggio dei benpensanti radical chic e borghesi.

L'agenda

Giugno 2024
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori e necessari al funzionamento. Se decidi di continuare la navigazione accetti il loro uso.